Art. 1 – DECORRENZA E VALIDITÀ

Il seguente regolamento è valido per tutti i Soci e ha validità a partire dalla prima Assemblea dei Soci, che ne provvederà alla sua approvazione. Può essere modificato in base alla necessità dell’Associazione, tali variazioni dovranno essere presentate in Assemblea dei Soci e sono soggette ad approvazione da parte della stessa.

Art. 2 – REQUISITI DI AMMISSIONE A SOCIO

L’ammissione è concedibile quando:

1. È stato sottoscritto il presente Regolamento per presa visione ed accettazione; 2. È stata compilata e sottoscritta la scheda di adesione, comprensiva dell’impegno a corrispondere la “Quota di Adesione” ed eventuale “Contributo Annuale”; 3. È stata concessa l’autorizzazione al trattamento dei dati personali, secondo quanto prevede la normativa vigente; 4. È stata data l’autorizzazione alla pubblicazione del proprio nominativo nell’elenco dei soci.

Art. 3 – MODALITÀ DI AMMISSIONE DEI SOCI

1. È possibile essere ammessi a soci secondo quanto disposto dallo Statuto dell’Associazione; 2. La iscrizione comporta il versamento di un “Contributo Associativo di ingresso” e di una “Quota Associativa annuale”, che potranno variare rispetto agli anni di iscrizione dei Soci, e che verrà definito alla prima Assemblea dei Soci. Al momento della regolarizzazione della posizione del Socio, l’Associazione rilascerà documentazione fiscale relativa.

Art. 4 – ACCETTAZIONE DOMANDA D’AMMISSIONE A SOCIO

1. Il Consiglio Direttivo, ricevuta la richiesta, ha tempo 60 giorni per esprimersi al riguardo, decorso questo periodo la domanda si ritiene automaticamente accettata.

In caso di accettazione, il Segretario o un delegato del Segretario comunica l’esito positivo al Socio tramite i recapiti forniti.

Art. 5 – DINIEGO DOMANDA D’AMMISSIONE A SOCIO

1. Il parere negativo viene comunicato dal Consiglio Direttivo tramite uno dei recapiti forniti nella domanda di iscrizione, dando notizia dei motivi per i quali la domanda non può essere accolta. L’aspirante socio potrà richiedere nuovamente l’iscrizione solo a risoluzione delle cause del diniego. 2. La decisione del Consiglio Direttivo è insindacabile.

Art. 6 – MODALITÀ DI MODIFICA DATI

Il Socio può richiedere la variazione dei dati forniti, dando comunicazione all’Ufficio di Segreteria tramite Pec o posta elettronica.

Art. 7 – DOVERI DEI SOCI

1. Oltre a quanto già espresso nello Statuto, i soci sono tenuti a partecipare alla vita ed alle attività dell’Associazione, ciascuno secondo la propria disponibilità e le proprie competenze professionali. 2. I Soci si fanno promotori delle attività verso l’esterno. Ogni Socio può contribuire in esclusiva o in collaborazione ad altri Soci o sponsor esterni alla realizzazione dei singoli eventi, tramite sponsorizzazioni di tipo economico, materiale, professionale volti alla realizzazione delle attività programmate dall’Associazione.

Art. 8 – PERDITA DELLA QUALITÀ DI ASSOCIATO

1. Il mancato versamento della Quota Annuale prima che termini l’esercizio, comporta l’esclusione dall’Associazione. 2. L’esclusione dall’Associazione può sopraggiungere anche nel caso di mancato rispetto delle norme dello Statuto e/o del Regolamento.

Art. 9 – COMMISSIONE E PROCEDURA ELETTORALE

Oltre a quanto disposto dallo Statuto:

1. La Commissione Elettorale, nominata dal Consiglio Direttivo, accerta la regolare posizione degli aventi diritto di voto nell’Assemblea dei Soci e conclude il suo mandato con l’insediamento del nuovo Consiglio Direttivo. 2. La Commissione Elettorale è così composta: a. 3 (tre) membri scelti tra i Soci: i due più anziani ed il più giovane, a parità d’età vale l’anzianità dello stato di Socio; b. Sono esclusi i componenti eletti del Consiglio Direttivo ed i candidati; c. La commissione ha nel suo membro più anziano il Presidente. 3. I candidati devono presentare comunicazione scritta al Segretario tramite Pec entro il termine perentorio di 15 giorni liberi dalla data di riunione dell’Assemblea elettiva. 4. Le candidature devono essere accompagnate dal profilo personale del candidato e da una dichiarazione di intenti. 5. La votazione avverrà per espressione nominale del Socio su apposita scheda bianca. 6. Il numero di preferenze non potrà essere superiore al numero di consiglieri previsti per l’elezione, tale numero sarà reso noto all’Assemblea elettiva dall’Ufficio di Segreteria. 7. Sono ritenute nulle le schede che identifichino il votante, ovvero che contengano elementi estranei all’operazione di votazione. 8. In caso di parità di voti, prevarrà la minore età anagrafica.

Art. 10 – CONSIGLIO DIRETTIVO

Fatto salvo quanto previsto dallo Statuto:

1. Le riunioni del Consiglio Direttivo possono svolgersi anche a distanza (online, video o audioconferenza); i partecipanti dovranno sempre essere identificabili dal Presidente o, in sua assenza, dal Segretario. 2. Il voto sarà quindi espresso verbalmente dai presenti e verbalizzato. 3. Per ogni attività intrapresa dall’Associazione che richieda un esborso economico, il Consiglio Direttivo deve approvare un bilancio di spesa, con finanziamento reperibile sia dai fondi disponibili dell’Associazione stessa, sia tramite contributi forniti volontariamente e spontaneamente dai Soci, sia da sponsor esterni all’Associazione. L’eventuale superamento del bilancio di spesa può essere autorizzato in casi di reale emergenza dal Presidente e ratificato alla successiva convocazione del Consiglio Direttivo. 4. Il Consiglio Direttivo determina l’ammontare dei rimborsi (spese vive) e/o compensi da riconoscere ed erogare ai componenti dell’Associazione, dipendenti e prestatori di servizi professionali. 5. Un membro del Consiglio Direttivo che perda la qualità di Socio, cessa di farne parte contestualmente. 6.Decade il Consigliere che non presenzi ad almeno il 40% delle riunioni annuali del Consiglio Direttivo, salvo diverso pronunciamento del Consiglio Direttivo. 7. È facoltà dei Consiglieri dimettersi dal Consiglio Direttivo con comunicazione tramite mezzo Pec al Segretario, che provvederà a informare il Presidente. 8. È facoltà del Consiglio Direttivo rigettare le dimissioni del Consigliere, nella misura in cui questo comporti la decadenza del Consiglio stesso e comunque fino a nomina di un sostituto. 9. Non possono essere nominati a Consiglieri i Soci che abbiano subito condanne penali passate in giudicato. I Consiglieri non hanno diritto di voto nelle deliberazioni attinenti alla propria responsabilità e/o interesse.

Art. 11 – PRESIDENTE

1. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione, ne promuove l’immagine verso aziende, enti pubblici e privati, ordini professionali, associazioni di categoria, istituti scolastici, altre associazioni e ogni altro soggetto ritenuto assimilabile per il raggiungimento degli scopi associativi. Agisce per lo sviluppo e il prestigio dell’Associazione. il prestigio dell’Associazione. 2. La perdita della carica di Presidente si verifica nei seguenti casi, oltre a quanto previsto dallo Statuto: a. Decesso; b.Recesso, tramite comunicazione mezzo Pec al Segretario. È facoltà del Consiglio Direttivo rigettarne le dimissioni; c. Revoca richiesta dalla maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo (escluso il Presidente stesso) per azioni contrarie alle disposizioni statutarie e regolamentarie dell’Associazione ovvero contro il nome dell’Associazione.

Art. 13 – VICE PRESIDENTE

1. Il Vice Presidente ha la funzione di presidente vicario in assenza del Presidente. 2. Come il Presidente, il suo ruolo è quello di promuovere l’immagine dell’Associazione verso aziende, enti pubblici, e privati, ordini professionali, associazioni di categoria, istituti scolastici, altre associazioni e ogni altro soggetto ritenuto assimilabile per il raggiungimento degli scopi associativi. Coadiuva il Presidente in ogni scelta per l’Associazione. 3. La perdita della carica di Vice Presidente si verifica nei seguenti casi, oltre a quanto previsto dallo Statuto: a. Decesso; b. Recesso, tramite comunicazione mezzo Pec al Segretario. È facoltà del Consiglio direttivo rigettarne le dimissioni; c.Revoca richiesta dalla maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo.

Art. 12 – SEGRETARIO

1. Le funzioni del Segretario sono le seguenti: a. Convocazione dell’Assemblea dei Soci e sua verbalizzazione; b. Stesura, aggiornamento e conservazione dei libri sociali (Libro dei Soci e Libro delle Adunanze del Consiglio Direttivo, delle Adunanze dell’Assemblea e degli eventuali altri Organi) e relative verbalizzazioni; c. Gestione dei reclami. d. È responsabile dell’usuale svolgimento delle attività sociali dal punto di vista formale, amministrativo e burocratico. e. Il Segretario, al momento dell’elezione, su mandato del Consiglio Direttivo, può istituire un Ufficio di Segreteria che ne farà le veci. Ai compiti dell’Ufficio di Segreteria può essere delegata dal Segretario una terza persona, Socio o dipendente dell’Associazione.

Art. 13 – LIBRI SOCIALI

1. I libri sociali devono essere custoditi presso la sede dell’Associazione e sono i seguenti: a. Libro dei Soci, ossia un registro ove vengono annotati dati anagrafici, data di adesione, e saldo delle Quote Annuali e Contributi Associativi dei Soci; b. Libro delle Adunanze del Consiglio Direttivo, delle Adunanze dell’Assemblea e degli eventuali altri Organi: sono la raccolta dei verbali delle riunioni. Devono prevedere data, presenti ed eventuali deleghe, ordine del giorno, breve rapporto della seduta, risultati delle votazioni, firma del Segretario verbalizzatore e del Presidente. c. Si rende necessario tenere un registro contabile, con dei fogli di cassa ove annotare entrate ed uscite, conservati secondo disposizione di legge.

Art. 14 – RECLAMI

1. Ogni reclamo legato alle attività dell’Associazione deve pervenire all’indirizzo di posta elettronica dedicato dell’Associazione. 2. Entro 10 giorni deve essere data risposta allo scrivente.

Art. 15 – NORMA FINALE

Il presente regolamento composto da 15 (quindici) articoli costituisce parte integrante dello Statuto dell’Associazione.